Centrale di Nasca: un passo in avanti per il recupero dell’impianto eolico.

Come abbiamo spesso ricordato in questo blog, grazie al progetto pilota “San Pietro, Isola ecologica del Mediterraneo” è stato possibile progettare la riattivazione (“repowering”) della centrale mista eolico-fotovoltaica di Nasca la quale, negli anni passati, ha vissuto vicende piuttosto travagliate. In primo luogo, attraverso i finanziamenti del progetto pilota, è stato possibile riattivare parzialmente la centrale di Nasca, per la parte fotovoltaica: in seguito a procedura di evidenza pubblica, con la determinazione n. 503 del 23.06.2010 la A.T.I. Calypso Engineering Spa – Leiwind Spa veniva aggiudicato l’affidamento della concessione di diritto di superficie su terreno comunale nella loc. Nasca per la realizzazione, manutenzione, e gestione della centrale eolico-fotovoltaica, e il 28.09.2010 veniva sottoscritta la relativa convenzione tra il Comune di Carloforte e la società di progetto Carloforte Energie Rinnovabili Spa, costituitasi ai sensi dell’art. 8 del bando/disciplinare. Sempre in relazione all’impianto fotovoltaico esistente, il 27 giugno 2011 è stata inoltrata al Comune di Carloforte una richiesta di P.A.S. ai sensi del d. lgs. n. 28/2011 per un intervento di modifica non sostanziale consistente nell’incremento della capacità produttiva sino a 999 kW ed il 30 agosto 2011 il Comune ha rilasciato l’autorizzazione all’esecuzione dei lavori. Attualmente, quindi, l’impianto fotovoltaico di Nasca risulta attivo con una capacità produttiva pari a 999 kW.

Per quanto concerne, invece, la parte eolica dell’impianto, Continua a leggere

Luce AbBasso consumo.

Il Comune di Carloforte, grazie al progetto pilota Isola Ecologica del Mediterraneo ha, da tempo, attuato una serie di interventi di efficienza energetica sul sistema di illuminazione pubblica, sostituendo gli apparecchi illuminanti, tecnologicamente datati, con altri dispositivi efficienti dal punto di vista energetico.  Nell’ottica di una ulteriore valorizzazione delle azioni intraprese, ha aderito (deliberazione della Giunta comunale n. 62 del 7 giugno 2012)  alla campagna LUCE AbBASSO CONSUMO, promossa dalla società Tholos S.r.l. .

L’adesione al progetto comporta una serie di benefici per il Comune di Carloforte, tra i quali: Continua a leggere

Via libera al quinto Conto energia.

Secondo quanto comunicato dal Ministero dello Sviluppo Economico, è arrivo il quinto Conto energia, per l’erogazione di nuovi incentivi per la realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonte fotovoltaica e da rinnovabili non fotovoltaiche. Pubblicheremo i testi dei decreti non appena saranno resi disponibili.

Dal sito del Ministero dello Sviluppo Economico:
Via libera definitivo, con la firma dei ministri dello Sviluppo economico Corrado Passera, dell’Ambiente Corrado Clini e dell’Agricoltura Mario Catania,  ai due decreti ministeriali che definiscono i nuovi incentivi per l’energia fotovoltaica (cd. Quinto Conto Energia) e per le rinnovabili elettriche non fotovoltaiche (idroelettrico, geotermico, eolico, biomasse, biogas). Continua a leggere

“Failadifferenza”: i cittadini protagonisti della raccolta differenziata.

Il  Ministero dell’Ambiente e la Presidenza del Consiglio dei Ministri promuovono la campagna “Failadifferenza”, con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla raccolta differenziata dei rifiuti.

La campagna consentirà ai cittadini di segnalare disservizi e altre problematiche relative alla gestione della raccolta differenziata sul proprio territorio, contattando il ministero dell’ambiente a questo indirizzo di posta elettronica: failadifferenza@minambiente.it . Continua a leggere

Approvato il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile di Carloforte.

Nei giorni scorsi, l’amministrazione comunale di Carloforte ha approvato il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (PAES) il fondamentale documento nel quale sono indicati gli obiettivi e le politiche energetiche che il Comune intende adottare e, in parte, ha già adottato negli ultimi anni, per la riduzione delle emissioni di CO2 e, quindi, per la sostenibilità ambientale ed il miglioramento della quaità della vita sull’Isola di San Pietro.

Il Patto dei Sindaci si inserisce in un ampio quadro di politiche europee volte alla riduzione dei consumi energetici, alla promozione delle rinnovabili, alla riduzione delle emissioni di CO2, all’introduzione di innovazione tecnologica. Sostenibilità, sicurezza degli approvvigionamenti e competitività dell’economia, sono i tre obbiettivi cardine che la Commissione UE intende raggiungere. Continua a leggere